Sponsor
Speciali Olbia

Discoteche e locali

discoteche-locali.jpgTutti i locali e le discoteche più in, all'insegna del divertimento e della buona cucina Clicca qui

Surf e K-Surf

surf-eksurf.jpg

In Sardegna i Surfer riescono a ritrovare il loro ambiente naturale ideale per questo Sport Clicca qui

Barche in Costa

In Costa Smeralda, la nautica ha la sua massima espressione... Continua...

La Vela in Sardegna

La vela in Sardegna, una grande passione legata da sempre a quest’Isola meravigliosa, .... Clicca qui

Gastronomia

Il fascino della Sardegna sta anche nella sua cucina, fatta di tradizioni, di prodotti semplici e genuini Clicca qui

La Sartiglia

Da Oristano una delle feste più caratteristiche della Sardegna. Clicca qui.

Sagre e feste

Tutte le Feste e le sagre paesane tipiche della tradizione sarda clicca qui.

Archeologia

Tutte le bellezze archeologiche di Olbia e la Gallura, gli itinerari. Clicca qui

Cultura - Archeologia


ARCHEOLOGIA

Siti Archeologici nelle località di Olbia e Arzachena

Nuraghe Belveghile

Ai piedi della collina di Cabu Abbas è situato il nuraghe Belveghile. Tale nuraghe è formato  da una torre, alta poco più di tre metri, appoggiata sulla roccia granitica. La torre continua con un bastione e un corridoio adiacente a due ambienti laterali, che portano ad uno spiazzo davanti all'ingresso della torre. Lo scavo effettuato nel 1987 ha portato alla luce diversi reperti archeologici.


Nuraghe di Cabu Abbas e Rio Mulinu

E' situato sul Monte Colbu dove domina il golfo e la piana di Olbia. La sua struttura è composta da una recinzione di 220 metri di circonferenza. Il nuraghe vero e proprio sorge all'interno dello spazio chiuso dalla muraglia ed è circondato da una struttura circolare di spessore variabile dal diametro di circa 17 metri.


Tomba dei giganti di su Monte de s'Ape

E' situata vicina alla collina dove sorge il Castello di Pedres. La tomba si presenta con un corpo principale rettangolare che racchiude al suo interno un corridoio con pavimentazione lastricata. In questo ambiente venivano collocate le ossa dei defunti dopo la scarnificazione dei corpi.

Tomba dei Giganti di Su Monte de S'Ape
Tomba dei Giganti di Su Monte de S'Ape

La realizzazione della tomba è probabilmente frutto di due diversi momenti che documentano l'evoluzione di questo tipo sepolcrale. Nell'eta' del bronzo antico fu realizzata una tomba a galleria che si conserva ancora oggi nel corridoio interno.

Successivamente tale tomba fu inglobata in una nuova struttura che è la vera tomba dei giganti quale oggi appare, con una lunghezza pari a 28,30 metri che  fanno di questotipo di  monumento il  più grande della Sardegna.


Pozzo sacro nuragico di Sa Testa

Percorrendo la strada che da Olbia porta verso Pittulongu, sulla destra si potrà trovare il monumento nuragico di Sa testa. Esso si compone di quattro parti distinte: un ampio cortile  di forma circolare, una scala, un atrio ed una camera a "tholos" che racchiude

Pozzo Nuragico Sa Testa
Pozzo Nuragico Sa Testa

la sorgente, a sua volta sovrastata da un ambiente anch'esso a tholos ora parzialmente scomparso. E' presumibile, date le dimensioni, che si trattasse di un'area senza copertura forse usata per usi cerimoniali. La camera del pozzo è un vano conico con un diametro di base circolare da cui scaturisce l'acqua sorgiva.


Le mura puniche

Le mura si trovano nell'area urbana di Olbia, tra via Torino e via Acquedotto, questa parte comprendeva il lato occidentale del circuito murario per difesa dell'entroterra e proseguiva in direzione verso la stazione ferroviaria fino al cimitero, purtroppo l'avanzare della città ha coperto quasi del tutto queste opere.


L'acquedotto romano

Nel 238 a. C. la Città di Olbia cadde in potere dei Romani che la dotarono di quelle strutture urbane e architettoniche che caratterizzavano la vita pubblica in quel periodo. All'inizio del secondo secolo dopo cristo va collocata la realizzazione delle Terme urbane, il cui approvvigionamento era garantito dall' acquedotto che riuniva l'acqua delle sorgenti di Cabu Abbas, che  la trasportava fino all'area urbana dopo un percorso di 3,5 KM.

Acquedotto Romano
Cisterna Romana

In località Sa Rughittula, l'acquedotto acquistava dimensioni più ampie con una grande vasca di decantazione dell'acqua, la cui volta a botte era provvista di sei fori per l'aerazione. Dopo gli interventi di sistemazione del sito archeologico,   l'acquedotto romano è uno dei pochi monumenti romani visitabili nel nord Sardegna.


Chiesa di San Simplicio

Sicuramente l'area nella quale sorge la Chiesa è una delle più ricche testimonianze dell'Archeologia di Olbia. E' stata costruita in stile Romanico-Pisano, come molte altre della Sardegna, e riutilizza colonne e capitelli d'epoca precedente, anche romani, come spesso si usava  nel medioevo.

San Simplicio
San Simplicio in Festa

L'interno è a tre navate, spartite da sette pilastri e cinque colonne di recupero da preesistenti monumenti con copertura della navata centrale a capriate lignee, e volta a botte nelle navatelle laterali in parte con l'utilizzo dei mattoni cotti. Addossata alle pareti si trova la raccolta lapidaria romana.


La parrocchiale di San Paolo

La chiesa si trova nel centro di Olbia a due passi da Corso Umberto. La semplice facciata, composta da  blocchi granitici a vista, dà su una scalinata anch'essa di granito, aperta sulla piccola piazzetta Civita. Dai lati sporgono le cappelle: in particolare quelle del transetto costruito nel 1939 che ha fatto assumere alla chiesa l'aspetto a croce.

Campanile e Chiesa San Paolo
Chiesa di San Paolo

La Cupola ed il campanile dominano i tetti del centro storico. Il campanile è di granito a vista mentre la cupola è rivestita di maioliche policrome. L'interno della chiesa è semplicemente intonacato di bianco, ad una navata con tre cappelle laterali per parte.


Il castello di Pedres

Il monumento è raggiungibile percorrendo una breve stradina che si imbocca dalla strada per Loiri; è risalente all'età giudicale. In età medievale una serie di strutture fortificate, sorte per lo più in posizioni strategiche o su alture dominanti, garantivano il controllo del territorio di Olbia,

Castello di Pedres

le torri di Santa Lucia e di Sa istrana, le fortificazioni di sa paulazza e dell'isola di Molara e meglio visibile appunto il Castello di Pedres che tutt'oggi caratterizza la linea d'orizzonte dell'agro di Olbia.


Fattoria Romana

A qualche km da Olbia sulla strada per Loiri si può visitare uno degli ultimi ritrovamenti dell'agro di Olbia: la fattoria romana d'età repubblicana, risalente alla seconda metà del II secolo a.C. Il ritrovamento di un blocco di granito decorato a rilievo con il simbolo della dea Tanit, custodito al museo Archeologico di Sassari, indica l'esistenza delle tradizioni puniche in piena età romana.

Fattoria Romana

 Itinerario archeologico di Arzachena

Percorrendo la statale Olbia-Arzachena,  si potrà trovare, sulla sinistra, l'ingresso che porta al Nuraghe Albucciu. Alla stessa altezza ma sul lato opposto della statale, percorrendo una stradina, si raggiungerà il Tempietto di Malchittu unico in tutta la Sardegna tra le costruzioni nuragiche.

Vicino ad esso sorge un altro nuraghe semicrollato. Nella roccia accanto al nuraghe in basso si potranno ammirare altri due nuraghi. Ritornando sulla statale 125 dopo alcuni chilometri si raggiungerà Arzachena. Percorrendo Via Ruzzittu e successivamente Via Limbara si potrà raggiungere Monti Incappiddatu.

Uscendo da Arzachena, si proseguirà per Luogosanto percorrendo la strada provinciale che vi porterà ad un altro sito archeologico di notevole importanza, ovvero la Tomba dei giganti di Coddu vecchiu. Più avanti si potrà visitare il nuraghe La Prisciona.

Tomba dei Giganti di Coddu Vecchiu
Tomba dei Giganti di Li Lolghi

Ritornando sulla provinciale proseguendo in direzione Luogosanto, svoltando a destra, si potrà raggiungere la Tomba dei giganti di Li Lolghi, la più grande della Gallura infatti raggiunge come lunghezza i 27 metri.

Tornando indietro svoltando in un vicolo a destra si potrà ammirare la necropoli di Li Muri di notevole importanza archeologica. Essa è un tipico esempio delle sepolture definite a circolo che più di ogni altro aspetto archeologico caratterizza la cultura preistorica di Arzachena.

Necropoli di Li Muri


Data creazione : 23/06/2007 @ 18:40
Ultima modifica : 09/09/2007 @ 15:17
Categoria : Cultura
Pagina letta 9347 volte


Anteprima di stampa Anteprima di stampa     Stampa pagina Stampa pagina

 
Info utili Olbia

AZIENDE-PULS.jpg
webcam-olbia.JPG
spiagge-attrezzate-olbia.JPG
hotel-olbia.jpg
pizzerie-olbia.jpg

Contattaci
Scrivi a Web Italia - Olbia  Webmaster
Aggiungi ai preferiti  Preferiti
Segnala questo sito ad un amico  Segnala
Mobile   Mobile
Ricerca




Vacanze in Sardegna?
 -  Cultura
+ Località
+ Olbia
+ Varie
+ Webcam
Visite

   visitatori

   visitatore online

News in tempo reale






  Powered by GuppY v4.5.18 © 2004-2010 - Olbia

Pagina caricata in 0.07 secondo